Layout-PB-Logo

AUGURI-ELIDE4 luglio 2009 una calda giornata d’inizio estate, il cielo velato lascia scorgere qualche volta il sole. Sono le 16.00 circa, parenti ed amici, stanno trasformando il chiostro del Museo Civico di Bassano nel luogo delle emozioni, palloncini colorati sparsi sul prato, altri raccolti a mazzo sostengono uno striscione su cui a lettere cubitali c’è scritto "Auguri Elide".

E’ un sabato speciale e un compleanno importante, zia Elide, nonna Elide, maestra Elide...compie 80 anni. E’ bastata una telefonata di Sabina, sua figlia, a Renzo Stevan, per dare inizio ai preparativi di questa festa a sorpresa. Quale luogo migliore se non uno dei templi della cultura di Bassano, il Museo Civico, per celebrare questo evento?
Qui si sono raccolti in un unico abbraccio, gli amici, parenti ma anche gran parte degli assessori comunali neoeletti e il sindaco Cimatti, l’attesa si faceva sempre più trepidante, telecamere e giornalisti fremevano per poter andare in onda, anche con questa notizia, nel telegiornale delle 19.00. Scorgiamo alcuni movimenti “sospetti” all’esterno del museo, Elide è arrivata, ma non si decide ad entrare, attendiamo ancora un po’ ed ecco, dopo qualche minuto spuntare dall’ingresso del chiostro, Alessandro, Sabina e al centro Elide. Una prima espressione di sorpresa appare sul suo volto, e poi la commozione l’assale, lacrime di gioia scendono copiose da quegli occhi «dal coeor dee gensiane», ancora lacrime e volti commossi si riscontrano tra gli amici, un grande e sincero applauso, accoglie il suo ingresso, il mazzo di palloncini prende il volo e i nostri auguri sono affidati al vento, quasi a significare che tutta Bassano festeggia zia Elide. Ella, come ricordato anche dal sindaco, ha dato molto a Bassano, è stata la nostra maestra, è stata, nonostante non sia bassanese, la divulgatrice della cultura veneta, attraverso i suoi scritti, le proprie commedie, le guide al museo, con la grande e innovativa memoria storica che ha regalato alla città “La Ballata del Millennio” e le iniziative e le proposte che, all’interno di varie associazioni, ha sempre instancabilmente perseguito, con dedizione ed intelligenza.
Le dimostrazioni di stima si sono succedute durante la festa attraverso le testimonianze del sindaco degli assessori e degli amici, attraverso aneddoti, racconti e poesie, come quella di Elsa Etro, in cui con poetica sincerità, in dialetto bassanese, riassume ciò che Elide ha trasferito a Bassano «çeste piene de fantasia, de insegnamenti e amor».
Cara Elide, questa festa è stata una piccola dimostrazione del grande affetto che tutti noi abbiamo per te. Ti auguriamo, ci auguriamo, di poter festeggiare ancora assieme i 90 e poi i 100 anni. Grazie Elide.
Claudia Tessarolo

Questo sito usa cookies per il proprio funzionamento (leggi qui...)